Mercoledì 4  aprile 2018 è in programma l'evento Carpi presenta la Breast Unit dell'Azienda USL di Modena.

“Partecipo a questo evento nella consapevolezza che la Breast Unit di Carpi rappresenterà un modello da replicare, anche con riferimento all'esaltazione del ruolo delle associazioni dei malati, in linea con la consolidata tradizione dell'Ospedale di Carpi”, afferma Laura Del Campo, direttore di FAVO.

È in corso in Italia l’arruolamento di pazienti (≥18 anni) con carcinoma ricorrente o metastatico a cellule squamose della testa e del collo (SCCHN).È in corso in Italia l’arruolamento di pazienti (≥18 anni) con carcinoma ricorrente o metastatico a cellule squamose della testa e del collo (SCCHN).

Sono passati 25 anni da quando Elisabetta Iannelli (Segretario Generale FAVO) si è "scontrata" per la prima volta con il cancro, 25 anni durante i quali ha continuato a curarsi dai ripetuti attacchi della malattia. Oggi, alla soglia dei 50 anni, condivide le sue riflessioni di vita vissuta nonostante il tumore: "25 di 50 sono un traguardo importante e voglio che sia un dono di speranza, speranza di vita per tanti malati di tumore".

Qui la lettera in esclusiva per il Corriere:
http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/18_marzo_15/25-50-mia-vita-oltre-cancro-b2cb6c04-2859-11e8-86ee-403ce21a628a.shtml

http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/18_marzo_15/chi-elisabetta-iannelli-6530d704-2859-11e8-86ee-403ce21a628a_amp.html

http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/cards/curata-tumore-25-anni-ne-compie-50-festeggio-mia-vita-oltre-cancro/continua-lotta-la-vita_principale.shtml

 

"La tossicità finanziaria del cancro sta diventando un fenomeno gravoso anche nel nostro paese dove, nonostante sia assicurata la gratuità delle cure dal nostro Sistema Sanitario Nazionale, la malattia genera un aumento dei costi sociali diretti e indiretti e una diminuzione dei redditi". 
Queste le parole del Presidente FAVO, Francesco de Lorenzo, in un articolo del Corrirere della Sera pubblicato l'11 Marzo 2018.

La Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, l’“associazione delle associazioni” di volontariato a servizio dei malati di cancro e delle loro famiglie, costituita da oltre 500 associazioni operanti in tutto il territorio nazionale, appoggia con convinzione la petizione promossa dall’Associazione My Everest per un migliore trattamento e una migliore qualità di vita delle persone affette da tumore del pancreas.