di Sergio Paderni
Direttore dell'Osservatorio

a) LA NASCITA DELL'OSSERVATORIO
Dalle esigenze prospettate nelle Assemblee delle Giornate pregresse, in particolare a Milano (con la presentazione del Libro bianco sulla riabilitazione oncologica) e a Taranto (con la presentazione del Rapporto CENSIS-FAVO sulle difformità assistenziali), l'Osservatorio, su proposta da me formulata e approvata dall'Assemblea delle associazioni del volontariato oncologico, nasce per:

di Francesco De Lorenzo
Presidente dell'Osservatorio

Con FAVO i malati di cancro parlano con una sola voce. Le oltre 500 associazioni di volontariato federate rappresentano infatti una rete con ramificazioni capillari operanti sul territorio nazionale. FAVO è una potente antenna che riesce ad intercettare i nuovi bisogni e individuare i nuovi diritti dei malati oncologici e dei loro  familiari, diversi da quelli del passato. Infatti, con le diagnosi precoci e le nuove terapie, di cancro si guarisce di più o ci si convive molto più a lungo.

di Giuseppe De Rita,
Presidente del Censis

Ci sono patologie che per diffusione e letalità colpiscono l'immaginario collettivo più di altre, provocando paura e ansia perché considerate capaci di cambiare radicalmente la vita di una persona, della sua famiglia, e anche delle comunità in cui la persona vive o lavora.