osservatorio

Nell'ambito delle manifestazioni indette per celebrare la 9^ Giornata nazionale del malato oncologico, giovedì 15 maggio 2014, alle ore 9.30 nella presso la Sala Capitolare presso il chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva del Senato della Repubblica, in Piazza della Minerva 38 a Roma, è stato presentato il "6° Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici", che prosegue e approfondisce le analisi avviate nel 2009 dalla FAVO e dal Censis sulla stessa materia.

1.1.  Il cancro non ha confini: il ruolo dell'Europa

di Francesco De Lorenzo, FAVO

Dal “Rapporto sulla salute in Europa 2012: Tracciare la via verso il benessere”, pubblicato dall’OMS, emerge che i tumori hanno sostituito le malattie cardiovascolari come principale causa di morte precoce in 28 dei 53 paesi europei. Nel 2012, i nuovi casi di cancro in Europa sono stati 3.450.000, con 1.750.000 morti, pari a 3 decessi al minuto, stimati nel 2035 a 6 al minuto. Nel recente studio EUROCARE-5, basato su 93 registri dei tumori di 23 paesi europei, in aggiunta ai dati precedentemente indicati, vengono messe in evidenza, tra i diversi stati europei, grandi e gravi disparità di sopravvivenza al cancro che rifl ettono le disuguaglianze in materia di organizzazione sanitaria e di spesa pubblica, oggi fortemente acuite dalla grave crisi economica che attraversa l’Europa. Il peso economico del cancro in Europa, stimato intorno ai 126 miliardi nel 2009, è rappresentato per il 39% dai costi diretti di assistenza sanitaria e per il 61% dalla perdita di anni produttivi dovuti all’invalidità o alla morte anticipata.

2. Rapporto 2014 dell'Osservatorio

2.1. La crisi economica e la spending review

Nella legge fi nanziaria del 2014 il problema della spesa sanitaria è stato affrontato in un modo diverso rispetto agli anni precedenti. Non sono stati adottati, come di consueto, tagli lineari alle principali componenti della spesa in quanto è stato previsto che il contenimento degli oneri a carico del bilancio statale per la tutela della salute dei cittadini sia perseguito rendendo effettivamente operativa l’iniziativa della “Spending review”, già tentata invano dall’ex Ministro dell’Economia Padoa Schioppa nel 2007, ai tempi del secondo governo Prodi, e poi ripresa, senza miglior esito, dal governo Monti. Per rendere questa volta reale ed effi cace la misura, il Consiglio dei Ministri ha contestualmente nominato un Commissario ad hoc, incaricandolo di dare immediata attuazione all’operazione. La scelta del Commissario è caduta sul dott. Carlo Cottarelli, proveniente dal Fondo Monetario Internazionale.

3. Le Rassegne dell'Osservatorio

3.1. I “Semafori” dell’Osservatorio
a cura di Davide De Persis – FAVO

Si ricorda che l’Osservatorio sulla condizione assistenziale del malato oncologico è nato dalla proposta, avanzata all’Assemblea di Taranto del 2008, di istituire uno strumento per riferire ai malati e alle Associazioni di volontariato sull’esito delle iniziative scaturite dai dibattiti nel corso delle Giornate Nazionali del Malato Oncologico. Sono nati così i “Semafori” delle Giornate attraverso i quali, nei Rapporti viene dato conto dello stato di avanzamento e della conclusione delle proposte emerse dalla prima Giornata in poi.