scn_web

A partire dal 2010, FAVO è accreditata presso l’Ufficio Nazionale del Servizio Civile come ente di prima classe. Ciò significa che, grazie al lavoro degli ultimi anni, FAVO ha raggiunto quella dimensione nazionale e quella capacità organizzativa e di coordinamento che le permettono di porsi come interlocutore di pari livello con l’Ufficio Nazionale per la presentazione e il monitoraggio di progetti di Servizio Civile, il reclutamento dei volontari, la formazione degli stessi e di tutte le figure che ruotano attorno ad un progetto di Servizio Civile.

Ogni anno L’Ufficio Nazionale pubblica un bando per la presentazione di progetti in Italia o all’estero per l’impiego di volontari in Servizio Civile. Gli enti accreditati presentano detti progetti e l’UNSC li esamina e li valuta.

I progetti approvati saranno poi riportati nel bando nazionale destinato ai volontari, pubblicato sul sito www.serviziocivile.it

Chi fosse interessato a prestare il proprio servizio deve presentare la propria domanda entro i termini e con le modalità stabilite dal bando (art. 4 e relative note). E’ possibile presentare una sola domanda per un solo progetto compilando apposita modulistica (allegato 2 e allegato 3 del bando) e fotocopia di un documento di identità in corso di validità (gradito anche CV).

I Requisiti per presentare la domanda sono dettagliati nel Bando (art. 3 e relative note), ma in linea generale sono:

  • Avere un’età compresa tra i 18 e i 28 anni
  • Non essere appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Il Servizio Civile Nazionale è  un’opportunità di crescita personale offerta ai giovani dai 18 ai 28 anni. Istituito con la legge n. 64 del 2001, il Servizio Civile consiste in un impegno continuativo di 12 mesi per un fine solidaristico nell’ambito di uno dei progetti presentati ad hoc dalle Amministrazioni Pubbliche o dagli Enti del Terzo Settore accreditati.

L’esperienza di Servizio Civile si configura come un’occasione tanto per il volontario – che potrà formarsi, sviluppare la propria professionalità e contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico del Paese – quanto per gli enti – che possono così contare su forze giovani e motivate per portare avanti le proprie attività.

La finalità principale del Servizio Civile Nazionale è quella di concorrere alla difesa della patria, non con mezzi militari, ma attraverso la realizzazione di principi costituzionali di solidarietà sociale, la promozione della cooperazione a livello nazionale e internazionale, la salvaguardia del patrimonio della Nazione – con particolare riferimento all’ambiente, il contributo alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani che vi partecipano.

Chi?
Possono partecipare i giovani fra i 18 e i 28 anni che non facciano parte dei corpi militari o delle forze di polizia (dettaglio dei requisiti sul bando).

Dove?
Si può prestare Servizio Civile presso un’amministrazione pubblica, una ONG o un’associazione no profit che risponda a precisi requisiti organizzativi e strutturali, e che presenti un progetto per l’impiego di volontari in uno dei seguenti settori: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all'estero;

Quando?
Il Servizio civile dura 12 mesi con un impegno di 30 ore settimanali. La domanda va presentata entro i termini stabiliti dal relativo bando annuale.

Come?
Le modalità di presentazione della domanda sono indicate all’interno del bando. E’ possibile presentare una sola domanda per ciascun bando. A seconda del numero di domande pervenute e del numero di posti disponibili, sarà poi l’ente di Servizio Civile ad organizzare la selezione dei volontari attraverso procedure pre-stabilite.

Perché?
L’anno di Servizio Civile rappresenta un’occasione per il volontario di vivere un’esperienza formativa e contemporaneamente di spendersi a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale. L’esperienza del Servizio Civile porta inoltre all’acquisizione di competenze e capacità spendibili nel mondo del lavoro, oltre che ad ottenere, per un anno, una piccola base di indipendenza economica.