Stampa
Email

Quarto capitolo

4. Programma dell’8^ Giornata Nazionale del Malato Oncologico

I primi dieci anni della Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia

Non siamo medicine eppure facciamo sentire meglio i malati di cancro. Siamo gli oltre 25.000 volontari che assistono i pazienti e le loro famiglie. Nel 2003 abbiamo deciso di parlare con una sola voce e abbiamo creato FAVO, la Federazione che raggruppa oggi oltre 500 Associazioni di Volontariato in Oncologia in tutta Italia.


Ogni giorno siamo vicini ai malati di cancro e alle loro famiglie, in casa ed in ospedale, offrendo sostegno psicologico e assistenza sociale, riabilitazione, accompagnamento presso i luoghi di cura, informazioni personalizzate sulle terapie, sul diritto al lavoro e sull’assistenza previdenziale, clownterapia per i bambini in ospedale, cura e supporto ai malati terminali a domicilio ed in hospice, offerta di case-alloggio per pazienti e familiari vicino agli ospedali. Quale che siano le caratteristiche e le mission delle associazioni federate, un motto ci accomuna: “guarire si può, assicurare ai malati la migliore qualità della vita possibile si deve”.

Dal 2006 celebriamo la Giornata nazionale del malato oncologico per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sui bisogni delle persone che affrontano la malattia e di chi sta loro vicino e grazie al lavoro dell’Osservatorio sulla condizione assistenziale del malato oncologico documentiamo ogni anno le disparità territoriali di accesso ai trattamenti diagnostici e terapeutici, individuando soluzioni concrete e realizzabili. In occasione della celebrazione della Giornata, con fondi raccolti grazie all’sms solidale, abbiamo realizzato progetti innovativi: abbiamo garantito l’assistenza psicologica in 15 ospedali italiani, creato un servizio di segretariato sociale, fi nanziato progetti per migliorare i servizi offerti dalle associazioni e creato un punto di accoglienza e informazione all’ospedale de L’Aquila dopo il terremoto.

Grazie all’azione di FAVO i tempi di accertamento dell’invalidità sono stati ridotti da un anno a 15 giorni e oggi i malati hanno diritto di ottenere il part time per curarsi con tutta la tranquillità necessaria. In dieci anni abbiamo realizzato molto ma la strada è ancora lunga….

Vinciamo insieme la vita!

Il Direttivo e lo staff di FAVO

Leggi il quarto capitolo del Rapporto in versione integrale:

Scarica il quarto capitolo del Rapporto in versione integrale:

Logo F.A.V.O

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per analisi statistiche e per garantirti una navigazione ottimale. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.